Pannello amministrazione | Logout
Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X
AFH Spa
AFH Spa
Cerca nel sito

Home >> News

Istat: 2016 compravendite immobili +17%Casa:Bankitalia, ancora segnali positiviAutorizzazione paesaggistica:Dpr 31/2017V Trofeo "AMEDEO FABRIZI" VolaCiampino Mercato immobiliare: trend II sem 2016ABI:2,02% tasso mutui al minimo storicoAnce: ripresa immobiliare 2 sem 2016Vola Ciampino'16: IV Trofeo A. FabriziOMI: 2015 ripresa mercato immobiliareBankitalia, migliora mercato immobiliareMutui 2015: erogazioni quasi raddoppiateImmobili compravendite +8% 3° trim '15Apertura Unieuro - Via Anagnina 515 RomaMongoliera AFH Spa VolaCiampino 2015: Risultati gareOrto botanico didattico a CentroniVola Ciampino 2015:Trofeo Amedeo FabriziIstat: mercato immobilare in crescitaFiera Protezione Prevenzione e SicurezzaX Trofeo K. Wojtyla C.S. Amedeo Fabrizi3° Trofeo "Amedeo Fabrizi"L'Atletico Morena promosso in 1° Cat. Istat: rivalutazione affitti Marzo 2014Vola Ciampino 2014Istat:rivalutazione affitti Dicembre '13Istat:rivalutazione affitti Novembre '1316 nov.- inizio vendita Via Anagnina 452Roma: Aggiornamento rendite catastaliIstat:rivalutaz.ne affitti Settembre '13Collegamento viario Eur LaurentinoIstat: rivalutazione affitti Agosto 2013Afh Spa acquisice la Rcm Edilizia srlIstat Maggio 2013: rivalutazione affittiATLETICO MORENA promosso in 2° Cat.Istat: Marzo 2013 rivalutazione affittiIstat: Indice febbraio 2013Classe ene G:abrogata autocertificazioneIndice Istat Gennaio 2013Istat: indice affitti Dicembre 2012Istat: indice Novembre 2012Istat: rivalutaz.ne affitti Ottobre 2012Istat: rivalut.ne affitti Settembre 2012Centro sportivo "Amedeo Fabrizi"Imp.ti fotovoltaici condom.li:tassazioneInaugurazione campo sportivo Via PazzanoIstat: rivalutazione affitti Luglio 2012Istat: indice Foi di Giugno 2012Detrazione Irpef 50% per ristr. edilizieMongolfiera I-Blue Afh Spa Istat:indice Foi prezzi Maggio 2012Istat: prezzi al consumo Aprile 2012Istat: prezzi al consumo Marzo 2012Piano casa R.Lazio:circ.esplicativa 2012Istat: prezzi al consumo Febbraio 2012Istat: prezzi al consumo Dicembre 2011Istat: prezzi consumo Novembre 2011 Cert energetica per compravendite imm.riIstat: prezzi al consumo Ottobre 2011Istat: prezzi al consumo Settembre 2011Agevolazioni prima casaIstat: prezzi al consumo Luglio 2011Istat: prezzi al consumo Giugno 2011Istat: prezzi al consumo Aprile 2011Cedolare secca:Raccomandata ad inquilinoIstat: prezzi al consumo Marzo 2011Cedolare secca: provv. Agenzia Entrate Certificazione energetica negli edificiIndice dei prezzi Febbraio 2011 IstatApertura vendite a CiampinoCedolare secca affitti: appovato D.L.Indice dei prezzi di Gennaio 2011Milleproroghe: approvazione definitivaD.L. Milleproroghe:Case fantasme e mutuiPrima casa: agevolazioni e residenzaCondono edilizio: vincolo paesaggisticoIstat: indice prezzi Dicembre 2010Decreto milleproroghe 2011.ISTAT: indice dei prezzi Novembre 2010Incentivi risparmio energetico 2011Anche il fabbricato inagibile paga l'IciIstat: prezzi al consumo Ottobre 2010Istat: prezzi al consumo Settembre 2010Targa professionale: imposta pubblicitàAgevolazioni prima casa: CassazioneIva al 10% acquisto secondo boxCompravendite immobiliari in crescitaIstat: prezzi al consumo Agosto 2010Aperta nuova importante strada a MarinoScia: l'attività parte in un giornoAffitti: cedolare secca 20% - Maxi bonusIstat - indice prezzi Luglio 2010Il rogito telematicoRealizzazione di una piscina: permessiISTAT - Indice prezzi al consumo giugno Dichiarazione di conformità impiantiIci: Specifica esenzione prima casaFotovoltaico: incentivi dal 2011Indici dei prezzi al consumo maggio 2010Dati catastali su contratti locazionePermesso Costruzioni: Lotti InterclusiAgevolazioni prima casa: Circ 31/E 2010Attività edilizia libera: novità DIARendita Catastale: decorrenza variazioniIndici ISTAT Aprile 2010Piano Casa Berlusconi 2009

Stampa 

Autorizzazione paesaggistica:Dpr 31/2017

28/03/2017 – Il DPR 31/2017 ha visto la variazione delle procedure per il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica semplificata; inoltre è stata allargata la lista delle attività edilizie libere dal nullaosta e, soprattutto, ha  velocizzato l’iter procedurale in base ai modelli unificati per la presentazione delle istanze. 
La data di entrata in vigore delle novità è il prossimo 6 aprile 2017. 
L'autorizzazione paesaggistica, regolamentata dal Codice dei Beni Culturali, è obbligatoria per interventi in aree soggette a tutela paesaggistica e va richiesta all'ente competente che accerti la compatibilità paesaggistica dell’intervento.
Dal 6 Aprile saranno possobile tre diverse vie di autorizzazione:
 
- intervento libero: senza obbligo di autorizzazione paesaggistica ma solo richiesta del titolo edilizio (quando serve);
 
- autorizzazione paesaggistica semplificata con modelli unificati e iter procedurale da concludersi entro il termine massimi di 60 giorni;
 
- autorizzazione paesaggistica ordinaria: per interventi significativi e con iter procedurale più lungo (max 120 giorni).
 
 L'autorizzazione è efficace per un periodo di cinque anni; successivamente , per eseguire i lavori deve essere richiesta una nuova autorizzazione. I lavori iniziati in forza di autorizzazione possono essere conclusi entro il primo anno successive ai cinque autorizzati.
Interventi liberi
L’autorizzazione paesaggistica non è necessaria per piccoli e limitati interventi quali:
 
- interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo senza alterare lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici;
 
- interventi inerenti l'esercizio dell'attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi;
 
- il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste.
 
Dal 6 aprile sono aumentati i tipi di interventi liberi tra i quali ad esempio:
- l’inserimento l’installazione di tende, pedane, elementi ombreggianti, poste a corredo di attività economiche o turistico-ricettive.
- opere interne che modificano la destinazione d’uso ma non alterano l’aspetto esteriore degli edifici, interventi sui prospetti e sulle coperture che rispettino il piano del colore, la realizzazione di aperture esterne e finestre a tetto, interventi di consolidamento statico degli edifici (senza modifica del volume, dell’altezza, ecc).
- Interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche.
- installazione di pannelli solari su coperture piane e non visibili dall’esterno, installazione di tende parasole su terrazze o spazi pertinenziali privati.
- fedele ricostruzione di edifici distrutti dopo le calamità naturali.
 
Interventi ad autorizzazione semplificata
Il DPR 31/2017 amplia gli interventi di lieve entità per i quali si esegue una procedura di autorizzazione semplificata, con modifica dell’iter procedurale per l’ottenimento dell’autorizzazione. Si prevede infatti  l’invio dei documenti solo per via telematica.
 
In precedenza l'Amministrazione competente doveva verificare preliminarmente anche la conformità dell'intervento progettato alla disciplina urbanistica ed edilizia. Dal prossimo 6 aprile dovrà valutare la conformità dell'intervento alle prescrizioni d'uso contenute nel provvedimento di vincolo o nel piano paesaggistico ed eventualmente ai valori paesaggistici che qualificano il contesto di riferimento.
L’iter per la conclusione delle pratiche sarà più veloce: la procedura avrà il termine tassativo di 60 giorni ma potrà concludersi anche prima.
 
Infatti, l'amministrazione dovrà richiedere all'interessato, ove occorrano, in un'unica volta, entro dieci giorni dal ricevimento dell'istanza, gli ulteriori documenti e chiarimenti indispensabili da inviare in via telematica entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della richiesta.
 
Entro il termine tassativo di venti giorni dal ricevimento dell'istanza l'amministrazione procedente trasmette alla Soprintendenza per via telematica una motivata proposta di accoglimento, unitamente alla domanda ed alla documentazione in suo possesso. Se anche la valutazione del Soprintendente e' positiva, questi, entro il termine tassativo di venti giorni dal ricevimento della proposta, esprime il proprio parere vincolante, per via telematica, all'amministrazione procedente, la quale adotta il provvedimento nei dieci giorni successivi. 
In caso di mancata espressione del parere vincolante del Soprintendente nei tempi previsti vale il silenzio assenso e l'amministrazione procedente provvede al rilascio dell'autorizzazione paesaggistica.
La nuova regolamentazione prevede un modello unificato di istanza di autorizzazione ( All. C) e un modello di relazione paesaggistica semplificata (All. D).
 
Tra le novità del nuovo decreto vi è anche l’esonero dall'obbligo di autorizzazione semplificata per alcuni interventi riguardanti aree ed edifici vincolati dal piano paesaggistico, e ricadenti negli Allegati A e B. Questo sarà possibile se il piano suindicato contiene già le specifiche prescrizioni d'uso. 
Autorizzazione paesaggistica ordinaria
Ne deriva quindi che, nei casi non compresi tra gli interventi liberi o quelli sottoposti ad iter semplificato, occorre richiedere una autorizzazione paesaggistica ordinaria.
 
L’iter per l’ottenimento del nullaosta in questo caso è più lungo rispetto alla procedura semplificata: dopo aver presentato la domanda, l'Amministrazione competente svolge le verifiche e gli accertamenti ritenuti necessari acquisendo il parere della locale commissione per la qualità architettonica e il paesaggio.
Successivamente, entro 40 giorni dalla data di ricezione della domanda, trasmette alla competente Soprintendenza la proposta di autorizzazione paesaggistica corredata dagli elaborati tecnici dandone contestualmente comunicazione al soggetto interessato. Il Soprintendente comunica il parere di competenza entro il termine perentorio di 45 giorni dalla data di ricezione della proposta decorsi i quali, in assenza di parere espresso, viene indetta una conferenza dei servizi, prolungando i termini del procedimento di ulteriori 15 giorni. Entro il termine di 20 giorni dalla ricezione del parere del Soprintendente, l'Amministrazione procedente rilascia l'autorizzazione, che diviene immediatamente efficace.